( ! ) Warning: include_once(C:\wamp\www/wp-content/themes/ceramiche-smart/intpage-menu-.php): failed to open stream: No such file or directory in C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php on line 8
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000139200{main}( )..\index.php:0
20.0000141256require( 'C:\wamp\www\wp-blog-header.php' )..\index.php:17
32.233828435736require_once( 'C:\wamp\www\wp-includes\template-loader.php' )..\wp-blog-header.php:16
42.265128471328include( 'C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php' )..\template-loader.php:74

( ! ) Warning: include_once(): Failed opening 'C:\wamp\www/wp-content/themes/ceramiche-smart/intpage-menu-.php' for inclusion (include_path='.;C:\php\pear') in C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php on line 8
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000139200{main}( )..\index.php:0
20.0000141256require( 'C:\wamp\www\wp-blog-header.php' )..\index.php:17
32.233828435736require_once( 'C:\wamp\www\wp-includes\template-loader.php' )..\wp-blog-header.php:16
42.265128471328include( 'C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php' )..\template-loader.php:74

Spazi della cultura

Spazi della cultura

Per cultura s’intende il “sapere” generale di un individuo. I luoghi dediti ad essa sono le aree e i parchi archeologici, i monumenti, i complessi monumentali e le altre strutture espositive permanenti destinate alla pubblica fruizione. In essi, la ceramica gioca un ruolo indispensabile. Nelle progettazioni di teatri,musei,biblioteche ed accademie, la volontà del committente è quella di coinvolgere i cittadini e di sviluppare il loro senso di appartenenza enfatizzando, già a partire dal disegno dell’involucro esterno, che l’edificio è stato costruito per la comunità.

I progettisti optano a comunicare la trasmissione del sapere e la volontà di creare integrazione fra scuola e comunità urbana evidenziando, sul prospetto principale, gli spazi destinati alle funzioni più rappresentative: le biblioteche, le sale culturali.. Anche all’interno i materiali giocano un ruolo chiave nella definizione delle funzioni e nella resa grafica del progetto, giocata sul valore «emozionale» dei colori e sulle risonanze visive create dalla geometria di tutti gli elementi: i disegni dei pavimenti, le prese di luce laterali, gli apparecchi illuminanti, le porte, gli arredi. Progettare lo spazio di una biblioteca oggi, nell’era digitale, significa confrontarsi con una realtà complessa. Oltre ad essere luogo della conservazione, della diffusione e del trasferimento della conoscenza, la biblioteca rappresenta anche centro di aggregazione sociale e luogo di riferimento della comunità locale, una nuova ”piazza urbana” per incontrarsi e comunicare.
Lo spazio della biblioteca diventa perciò un luogo urbano per eccellenza, veicolo di comunicazione politico culturale, protagonista del marketing urbano in grado di poter avviare processi di riqualificazioni urbane e sociali.
In questo senso si spiegano le scelte di architetture ”normali” e non iconiche, concepite in rapporto al tessuto sociale e all’ambiente, normalità intesa come traguardo attraverso l’individuazione di nuove richieste sempre più aderenti ai nuovi bisogni dell’abitare.
Per questo, i progetti sono improntati sulla concezione generale del ”design for- all”, un approccio culturale che coniuga gli aspetti tecnici imposti dalla normativa a quelli più generali della qualità del progetto e della qualità di vita.
I progetti si dimostrano un modello capace di conformare uno spazio che non sia rigido e monofunzionale.
Per la creazione di progetti di poli scolastici bisogna tenere conto che al centro del progetto c’è l’utente – gli studenti, i docenti, il personale – al quale vengono dedicati lo studio degli spazi, della luce naturale, dei materiali e dei percorsi, per creare aree di aggregazione ”facili e amichevoli”.
La filastrocca di Gianni Rodari è una sintesi perfetta dello spirito e del messaggio di luce e di allegria che dovrebbero emanare le strutture: ”Se comandasse Arlecchino il cielo, sai come lo vorrebbe?A toppe di cento colori, cucite con un raggio di sole”.
Costruite secondo i moderni parametri della didattica, con un’attenzione particolare a un tema molto sentito in questi anni, quale l’incidenza dell’architettura sul carattere stesso delle persone, le Scuole offrono grandi spazi aperti e disponibili per i momenti di socialità, accostati ad aree più intime per l’attività d’istruzione, il tempo del pasto e del riposo.
Il momento di prima accoglienza, e cioè l’ingresso alla scuola, presenta uno spazio di sosta per i genitori che conducono i bambini allo spogliatoio, dove vengono accolti dalle educatrici.

Ciò che è fondamentale e che ricorre spesso negli istituti scolastici sono proprio le piastrelle “tutte colorate” ,volte a creare giochi visivi grazie all’utilizzo di colori e formati originali.
Ricchezza che si presta al gioco delle trame, personalizzate con decori in abbinamento al colore di ogni aula, pensate in modo ludico, molto ben sintonizzate sulla creatività dei piccoli padroni di casa. Nell’insieme, i progetti di architettura dimostrano di aver tenuto davvero e concretamente al centro di tutto i bambini e gli adulti, per stimolarne le capacità espressive riempiendo di luce, di trasparenze e di colore gli ambienti, tenendo in grande considerazione i momenti corali.

Back