Ceramics of Italy a Mosca per MosBuild 2012

standHPmosbuild2012

Irrinunciabile come ogni anno l’appuntamento primaverile con il mercato russo. Dal 2 al 13 aprile 2012 presso l’Expocentre di Mosca torna MosBuild, fiera internazionale dell’edilizia, dei materiali di rivestimento e dell’arredamento per interni. Giunta alla 18° edizione, la rassegna fieristica organizzata da ITE (International Trade Exhibitions) è sicuramente la più grande e la più nota della Russia, come dimostra la provenienza da 48 paesi diversi dei partecipanti, in grado di attirare un pubblico sempre più numeroso e sempre più mirato in termini di produttori, fornitori e clienti.

Per celebrare la sua centralità nel mercato dell’edilizia in Russia, la manifestazione si trasferisce nella sua totalità merceologica all’Expocentre, rinunciando alla sua “doppia anima” che tradizionalmente vedeva una sezione della fiera presso la sede espositiva di Crocus. Una kermesse di prodotti e sistemi per il mondo della costruzione che occupa quasi due settimane nel calendario degli appuntamenti di Mosca. E infatti, dal 2 al 5 aprile la fiera era dedicata ai settori Design e Decor (bagno, ceramica e tecno-ceramica, porte e infissi, pavimentazioni, wall décor, rivestimenti e pitture) mentre dal 10 al 13 aprile a Costruzioni e Architettura (materiali, idraulica, serramenti, illuminotecnica, utensileria, finiture, country living, lavorazione pietra).
In questo nuovo scenario, MosBuild si riconferma vetrina di prestigio per le nuove tendenze e tecnologie, un forum internazionale di accordi strategici sulle costruzioni e un’opportunità importante di approccio al dinamico mercato russo alla quale ormai da un decennio il settore ceramico italiano non rinuncia.

Per enfatizzare la presenza italiana, Ceramics of Italy si è presentato dal 2 al 5 aprile con una veste nuova: uno stand di 100 metri quadrati rivisitato nel look della sua area ospitalità e del punto informazioni dedicato agli associati ed ai loro clienti stranieri ed una caratterizzazione accattivante, entrambi rappresentativi della tradizione, della qualità, dell’innovazione e della creatività della ceramica Made in Italy. Moquette, banners, elementi direzionali e totem – accanto alla versione del Cer Magazine International in cirillico, nuova nella grafica e nei contenuti – hanno sottolineato la presenza delle aziende Ceramics of Italy in fiera.

Erano circa una trentina le aziende produttrici di piastrelle di ceramica Made in Italy che hanno occupato gli spazi espositivi localizzati nei Padiglione 2 – hall 3 e hall 1 e Padiglione 8 – hall 2: Abk, Ariana, Atlas Concorde, Brennero, Caesar, Casalgrande Padana, Ceramica Sant’Agostino, Cerdisa, Cisa, Coem/Fioranese, Emilceramica, Del Conca, Fap, Flaviker, Florim, Gambini, Gardenia Orchidea, Kale Italia, Keope, Kerama Marazzi, Litokol, Majorca, Ricchetti, Rondine, Serenissima, Settecento, Sire, Tagina, Vallelunga.

Immancabile durante la grande rassegna fieristica l’ormai tradizionale appuntamento con il Confindustria Ceramica Russian Distributor Award che, giunto alla sua 5° edizione, rende onore ad un partner russo fondamentale che si sia distinto per la sua attività a sostegno della promozione della ceramica italiana. Vincitore dell’edizione 2012 è Andrey Borisovich Kuleshov di Bazalt Keramika.

_______________________________________________

Nel tardo pomeriggio del 3 aprile, all’interno dello stand istituzionale Ceramics of Italy si è tenuta, in occasione dell’edizione 2012 di MosBuild, la cerimonia di consegna del Confindustria Ceramica Russian Distributor Award.

Dopo l’introduzione di Armando Cafiero, direttore generale di Confindustria Ceramica, ha preso la parola Mario Moriconi, membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione e presidente di Tagina Ceramiche d’Arte, che ha sottolineato come MosBuild rappresenti un “primario momento di incontro con il mercato russo, un Paese che nel corso dell’ultimo anno ha visto crescere le nostre esportazioni di circa un 20%, a cui si aggiungono le alcune decine di milioni di metri quadrati di produzione russa riconducibile a gruppi italiani. Positivi risultati conseguiti grazie alla qualità dei rapporti tra le nostre aziende ed il sistema di distribuzione, alla capacità dell’industria ceramica italiana di trovare soluzioni estetiche in linea con i gusti del consumatore russo, all’attenzione nel realizzare materiali ceramici rispettosi dell’ambiente”. Moriconi ha poi asserito come i prodotti italiani uniscano conoscenza, tecnologia, ingegno, innovazione, ma soprattutto una straordinaria passione nel fare ceramica. “Tutti questi sono valori che, da decenni a questa parte, abbiamo riunito ed identificato sotto il marchio ‘Ceramics of Italy’, l’elemento distintivo che caratterizza le produzioni realizzate in Italia e che rappresenta la bandiera alta ed importante della ‘bella cultura dell’abitare ceramico italiano’”, ha affermato il consigliere.

Ha poi preso la parola Filippo Manuzzi, membro della Giuria del Premio e componente della Commissione Attività Promozionali e Fiere, che ha affermato “questo è il premio che, da cinque anni a questa parte, l’Associazione italiana dei produttori di ceramica assegna al distributore russo che si e’ maggiormente distinto nel rapporto con la nostra industria. La Giuria basa la propria scelta su di una pluralità di requisiti: tra quelli piu’ importanti e significativi, la fedeltà al prodotto italiano, la correttezza commerciale, la capacità di diffondere i valori del made in Italy”.

La 5a edizione del Russian Distributor Award è stata vinta da Bazalt Keramika, azienda fondata a Mosca nel 1996 che vanta 4 shoowroom, 2 società operative, un magazzino di 5.000 metri quadrati ed occupa oltre 100 addetti. L’azienda si è distinta per la propria capacità di intrattenere consolidati e continui rapporti commerciali con oltre 15 aziende ceramiche italiane, vedendo il proprio fatturato crescere ad un tasso del 15% annuo.

Una realtà giovane, guidata da Andrey Kuleshov che, dopo aver ricevuto il prestigioso riconoscimento, ha ringraziato l’intera industria ceramica. “Questo premio è uno stimolo ad allargare ed approfondire la conoscenza e l’uso della piastrella di ceramica italiana”, ha commentato il direttore generale di Bazalt Keramika. “L’Italia è la culla delle piastrelle di ceramica industriali e da sempre è il luogo in cui nascono le innovazioni di prodotto. Stile, design e caratteristiche tecniche dei materiali ceramici italiani rappresentano importanti peculiarità di un prodotto sempre più apprezzato dal consumatore russo”.

Indietro