( ! ) Warning: include_once(C:\wamp\www/wp-content/themes/ceramiche-smart/intpage-menu-.php): failed to open stream: No such file or directory in C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php on line 8
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000139264{main}( )..\index.php:0
20.0000141320require( 'C:\wamp\www\wp-blog-header.php' )..\index.php:17
31.515328437032require_once( 'C:\wamp\www\wp-includes\template-loader.php' )..\wp-blog-header.php:16
41.515328472624include( 'C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php' )..\template-loader.php:74

( ! ) Warning: include_once(): Failed opening 'C:\wamp\www/wp-content/themes/ceramiche-smart/intpage-menu-.php' for inclusion (include_path='.;C:\php\pear') in C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php on line 8
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000139264{main}( )..\index.php:0
20.0000141320require( 'C:\wamp\www\wp-blog-header.php' )..\index.php:17
31.515328437032require_once( 'C:\wamp\www\wp-includes\template-loader.php' )..\wp-blog-header.php:16
41.515328472624include( 'C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php' )..\template-loader.php:74

L’ecologia secondo la ceramica italiana

Dalla fine degli anni ’80 l’impronta ecologica delle Nazioni ci dice che l’utilizzo annuo delle risorse del pianeta è strutturalmente superiore a quelle disponibili. Una realtà, anticipata ai riflettori da Aurelio Peccei nel 1968 e dal Rapporto Meadows quattro anni dopo, che impone oggi – anni di eventi climatici straordinari ed estremi – azioni concrete da parte di tutti, cittadini ed imprese. Anche l’industria ceramica italiana offre, già da tempo ed in modo strutturato, il proprio contributo attraverso un approccio duale che si estende tanto all’intera fase della manifattura del prodotto quanto al ciclo di vita del prodotto.

Le materie prime ed i colori e smalti sono da anni completamente atossici, tanto nelle loro componenti iniziali quanto durante le trasformazioni che intervengono alle alte temperature di cottura. Le dotazioni tecnologiche, grazie alla vicinanza dei produttori di impianti leader nel mondo, sono non solo d’avanguardia, ma anche sempre aggiornate – grazie a flussi di investimenti annui che sfiorano il 6% del fatturato. La logistica interna allo stabilimento, che per un prodotto pesante è sinonimo di consumi energetici, è stata ottimizzata al meglio: per tragitti da compiere, per combustibili dei veicoli, per imballaggi che li contengono.

Anche il prodotto industriale della ceramica italiana non è da meno in termini ambientali. Se agli albori l’idea di ecologia era associata ai materiali – naturali – di cui era composta, ora la natura ambientale della ceramica presenta diverse declinazioni. A partire dell’essenza stessa del prodotto, che vede la presenza di materiali riciclati nell’impasto o che si può realizzare anche con spessori più sottili, per passare alle caratteristiche strutturali di un prodotto che ha il ciclo di vita più lungo tra i prodotti edili e che si caratterizza per essere inerte, ignifugo, dall’elevata resistenza all’abrasione ed al calpestio.

Anche l’evoluzione dell’industria ceramica verso gli impieghi architettonici fornisce un proprio contributo alla salvaguardia delle risorse scarse del pianeta, attraverso la funzionalizzazione del materiale. Il salto, in questo caso, prima ancora che tecnologico, è di tipo culturale. Ovvero l’affiancamento all’approccio ‘passivo’ – relativo alla minimizzazione delle risorse da impiegare -, a quello ‘attivo’ nel quale l’uso della ceramica aiuta ad attutire o a risolvere problemi ambientali. E’ il caso delle lastre ceramiche a superficie antibatterica, dove al rivestimento esteticamente bello ed accattivante si associa la capacità di tenere la superficie libera da germi infettivi; all’uso in facciata ventilata dove il sistema-parete è in grado di migliorare le performance energetiche di tutto l’edificio; allo studio dell’effetto isola di calore nelle città che porta a rendere disponibili colori chiari (e certificati LEED) per ridurre questo effetto.
La ceramica italiana per l’ecologia e la salute del pianeta è tutto questo. A cui si aggiunge quello che, già da adesso, si sta studiando nel laboratori di ricerca delle imprese.

24 febbraio 2016

[ Editoriale di Cer Magazine NEWS n. 1-2/2016, e-magazine di Ceramics of Italy ]

Serri_imgxeditoriale_2

Back