( ! ) Warning: include_once(C:\wamp\www/wp-content/themes/ceramiche-smart/intpage-menu-.php): failed to open stream: No such file or directory in C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php on line 8
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000139360{main}( )..\index.php:0
20.0000141416require( 'C:\wamp\www\wp-blog-header.php' )..\index.php:17
31.218528436120require_once( 'C:\wamp\www\wp-includes\template-loader.php' )..\wp-blog-header.php:16
41.218528472080include( 'C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php' )..\template-loader.php:74

( ! ) Warning: include_once(): Failed opening 'C:\wamp\www/wp-content/themes/ceramiche-smart/intpage-menu-.php' for inclusion (include_path='.;C:\php\pear') in C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php on line 8
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000139360{main}( )..\index.php:0
20.0000141416require( 'C:\wamp\www\wp-blog-header.php' )..\index.php:17
31.218528436120require_once( 'C:\wamp\www\wp-includes\template-loader.php' )..\wp-blog-header.php:16
41.218528472080include( 'C:\wamp\www\wp-content\themes\ceramiche-smart-child\single.php' )..\template-loader.php:74

Basse temperature e posa esterna di piastrelle di ceramica

Quando arriva l’autunno, si opera un cambiamento climatico e la temperatura scende. Con temperature che possono sfiorare o addirittura scendere sotto il punto di congelamento, occorre accertarsi della fattibilità di un progetto di posa esterna. In effetti, la posa esterna è possibile ma bisogna tener conto di alcuni elementi.

Valutazione delle necessità e esame del sottofondo

Questa tappa è fondamentale per iniziare un progetto di posa col piede giusto. È quindi essenziale effettuare una valutazione completa di quanto occorre per realizzarlo:

• Si tratta di un progetto residenziale o commerciale?

• Come prevedere le pendenze per assicurare un drenaggio idoneo?

• Nel caso di rivestimento, bisogna prevedere un intercapedine per un miglior drenaggio ?

Inoltre, bisogna esaminare il massetto per assicurarsi che sia strutturalmente sano, saldo e perfettamente a piombo. In caso contrario, si dovranno effettuare le riparazioni necessarie.

SI Prevedere una superficie esente da ogni sostanza e/o rottame che potrebbe ostacolare o ridurre l’aderenza o l’esecuzione. Se si tratta di una lastra di calcestruzzo, occorre che la stessa sia completamente matura e asciutta, esente da eccessiva pressione idrostatica e umidità.

NO Non effettuare la posa su un sottofondo in presenza di polvere, olio, grasso, vernice, catrame, cera, componente di maturazione, agente di disarmo o qualsiasi altra sostanza che potrebbe ridurre o ostacolare l’aderenza.

Per quanto riguarda i prodotti per la riparazione, le membrane di tenuta, le malte e le boiacche, è molto importante sceglierli in funzione delle necessità specifiche del progetto e soprattutto di assicurarsi che siano utilizzati correttamente. Per esempio, l’utilizzo di una polvere di cemento fredda e di un addittivo al lattice freddo farà aumentare il tempo d’indurimento del prodotto, con un possibile ritardo della rimessa in esercizio. Per questo motivo si raccomanda di conservare i prodotti in un luogo asciutto e riscaldato per almeno 24 ore prima dell’inizio dei lavori.

SI Applicare un metodo di posa approvato dalla Tile Council of North America [TCNA] negli USA e dall’ Association canadienne de terrazzo, tuile et marbre [ACTTM]) per migliorare la qualità e la durabilità dei lavori. Prevedere anche giunti di controllo e di espansione nei punti giusti.

NO Non sottovalutare l’impatto del colore delle piastrelle. Quelle più scure sono più sensibili alle variazioni di temperatura quindi maggiormente soggette a sbalzi termici. Questo rappresenta un rischio di screpolatura per la boiacca nonché di riduzione della durata di vita utile, a lungo termine, della posa.

Riparo temporaneo
Prima dell’inizio dei lavori, è essenziale costruire un riparo per proteggere il sottofondo e la posa in opera contro le condizioni atmosferiche (vento, pioggia, freddo e neve). È altrettanto importante riscadare questo riparo prima, durante et dopo i lavori, per assicurarsi che il sottofondo e l’aria ambiente siano mantenuti alla giusta temperatura. Una temperatura controllata permetterà ai prodotti di offrire la massima prestazione.

SI Accertarsi che le esalazioni provenienti da fonti indirette di riscaldamento siano scaricate verso l’esterno.

NO Non utilizzare fonti di calore con esalazioni di monossido di carbonio o altri vapori nocivi per la salute dei lavoratori e che potrebbero contaminare la superficie da piastrellare.

Durante e dopo i lavori
Assicurarsi di proteggere la zona di lavoro da calpestio durante tutta la durata della posa. Inoltre, il riscadamento deve essere mantenuto nei limiti di temperatura raccomandati, di giorno e di notte, e ogni prodotto dovrà essere applicato in conformità alle specifiche direttive.

SI Posare le piastrelle con la tecnica della doppia spalmatura e assicurarsi di applicare almeno 95% della malta sul retro delle piastrelle.

NO Non orientare il riscaldamento verso l’area di lavoro con l’obiettivo di accelerare l’asciugatura del prodotto.

Il riparo temporaneo potrà essere rimosso dopo che la posa sarà terminata e che il tempo consigliato di asciugatura della boiacca o della malta sarà stato rispettato (sempre tenendo conto, tra i due, del tempo più lungo). Se il progetto viene realizzato a regola d’arte e con prodotti di qualità, il cliente potrà godersi pienamente tutti i vantaggi di una posa esterna di qualità.

Fonte: Realtà Mapei Americas 17/2013

Back